L’Inail, con nota n.9149 del 23 dicembre, è intervenuto in tema di applicazione delle sanzioni amministrative per omessa/tardiva denuncia di cessazione dell’attività, in riferimento alla sentenza n.120/15 emessa sul tema dalla Sezione Lavoro della Corte d’Appello di Genova.

L’Istituto precisa che, in presenza di concorso di illeciti, spetta alla DTL la valutazione in merito all’applicazione della disciplina dettata dall’art.8, co.1, L. n.689/81, che prevede il cumulo giuridico delle sanzioni. Pertanto, nella fase procedimentale della contestazione o notificazione dell’illecito amministrativo, la quantificazione della sanzione ai sensi dell’art.16, L. n.689/81, deve essere operata secondo il criterio del cumulo materiale, che prevede l’applicazione di tante sanzioni quante sono le violazioni.

fonte: Centro Studi Lavoro e Previdenza – Euroconference 

Share This